1
Quando mi sono arrivati tempo fa i comunicati stampa dei seminari compresi nel pacchetto crociera Nailcruise, uno tra tutti mi ha incuriosito più degli altri...perche' onestamente ne sapevo veramente poco...

La depilazione naturale con il filo orientale...

Avevo visto in precedenza questo tipo di depilazione su qualche video in rete, ma non ne avevo capito appieno le "potenzialità"...




Vi starete chiedendo, cosa cambia rispetto ad usare, non so, il silk epil o una ceretta classica?


Mi sono documentata un po' in rete e alla fine sono arrivata al sito di Ornella Galloni che ha definito il metodo della depilazione con il filo orientale...


E' un metodo naturale, indolore, delicatissimo può essere applicato su qualsiasi parte del corpo (cosa che non si può dire del Silkepil), anche in presenza di problemi di ipertricosi ed irsutismo, non effettua esfoliazione quindi e' anche molto più delicato di una normale ceretta che in casi di pelle irritata o comunque delicata non si può fare...

E' ovviamente adatto a parti piccole da trattare che spesso sono le più delicate come viso, baffetti, collo, ascelle e via dicendo...

Ecco un video dimostratrivo molto breve dal canale youtube di Filo Orientale:



In abbinata al filo orientale Ornella ha sperimentato un altro metodo tutto naturale per la depilazione total body...la pasta Halawa un composto, pensate un po', di antiche origini" composto da zucchero acqua e limone! ^_^

Vi lascio alla descrizione che fa lei della suo metodo che sicuramente può spiegare cento volte meglio di quanto ho potuto sintetizzare io fino a qui per le più pigrotte di voi a leggere ;-)

Descrizione della depilazione con filo orientale e pasta Halawa tratta dal sito di FIlo Orientale:

Come un metodo orientale per depilare il corpo usando un filo di seta tramandato da madre a figlia, le cui origini si perdono nei tempi, può diventare una tecnica di epilazione naturale, inserendosi a pieno titolo nel moderno concetto di estetica.

Quando vidi per la prima volta, ormai quasi vent'anni fa', ed in modo del tutto casuale, usare un semplice filo di cotone per epilare il volto di una ragazza rimasi stupita e affascinata. Chi con abilità sorprendente e con estrema velocità effettuava movimenti con le dita delle mani, unite da un filo tenuto in tensione tra i denti, era una signora libanese che si trovava a Bologna, ospite di amiche comuni, in occasione di un Congresso Internazionale di Medicina e di estetica. Nonostante non esercitassi alcuna professione (allora ero impegnata come madre e dedita totalmente alla famiglia), l'interesse alla cura del mio corpo e la mia innata curiosità alle novità mi spinse a cercare di capire quello a cui stavo assistendo. In Italiano e un po' in francese appresi che le donne orientali si tramandavano da generazioni questo metodo di epilazione "semplice" e naturale da madre a figlia.

Approfittando della cortesia e disponibilità di Iris, così si chiamava la signora libanese, passai i due giorni trascorsi a Bologna esercitandomi su quelle amiche che si resero disponibili a fare da cavie al mio "apprendistato" per imparare la disposizione delle dita, come tenere il filo, quanta pressione esercitare sulla pelle e il coordinamento del movimento del collo, Iris vista la mia manualità; Iris mi insegnò subito a non usare la trazione con i denti ma tramite il movimento del collo (che vi posso garantire facile da vedere ma difficile da eseguire).

Ritornata a casa, contentissima di avere "imparato" un nuovo metodo di epilazione, ho continuato ad esercitarmi su amiche e conoscenti che comunque accettavano di buon grado di provare.
Questo mi ha permesso, con gli anni, di perfezionarmi sempre di più fino a raggiungere il risultato sperato: estirpare correttamente i peli in tutte le parti del corpo, dalla semplice peluria ai peli più resistenti.

Nacque in me la voglia di trasformare una semplice passione e voglia di conoscenza - per quanto attiene "all'essere e benessere" del corpo in una vera e propria professione, prima come allieva, poi da docente. studiando ed approfondendo le varie tematiche ed implicazioni come "cultore della materia." Soprattutto mi affascinavano e tuttora mi affascinano tutte quelle tecniche e metodiche che ricercano soluzioni sempre più semplici e più efficaci e possibilmente naturali per donare alla persona "quell'essere e benessere" che dovrebbe essere lo scopo fondamentale della professione di estetista.

Nei corsi di epilazione ho introdotto questa tecnica che viene detta del "filo orientale", in verità esercitata da pochissimi istituti, suscitando estremo interesse e meraviglia nelle allieve e nelle altre docenti, per come l'uso di un semplice filo estragga in modo efficace la radice del pelo. Il filo nella mani di un'esperta professionista assume, con il corretto movimento delle dita, la forma di una spirale, nella parte a contatto della zona da epilare, e dall'altra si avvolge intorno al collo di chi depila per far leva con movimenti alternati e permettere di estirpare i peli dal volto, dalle gambe, seno e da tutte le altre parti anche le più delicate del corpo.

Prima di ogni trattamento si effettua una detersione e tonificazione per pulire la parte da trucchi o parti grasse ecc.
L'esperienza acquisita mi ha insegnato inoltre di usare prima del trattamento un lenitivo a base di agrimonia, valeriana e melissa e alla fine una soluzione ritardante a base di papaina - enzima vegetale presente nel succo della papaia, che agisce sfruttando le proprietà cheratolitiche (lisi delle strutture proteiche) rallentandone la normale attività proliferattiva.

Per far si che si possa considerare questo metodo un vero e proprio trattamento completo si esegue sulla parte epilata un massaggio, con delle pietre di marmo di Carrara per decongestionare la parte trattata e donare una sensazione di freschezza e di piacere.
Il diametro e la forma delle pietre varia dalle zone trattate.
Questi perfezionamenti non ultimo l'uso del filo di seta hanno fatto sì che una semplice tecnica , la cui origine si perde nel tempo, sia diventata una metodologia che può trovare spazio all'interno anche della tradizione occidentale in quanto non invasiva, senza alcuna controindicazione perché non ha effetti esfolianti sulla pelle (come quando si esegue l'epilazione con cerette a caldo o a freddo, che possono avere controindicazioni come melasma o cloasma), evitando inoltre la formazione di follicolite.

Quando la persona inizia per la prima volta la tecnica della epilazione con il filo orientale occorrono diverse sedute, mediamente due o tre al mese, per un periodo di tempo tra i 12 e i 18 mesi.

Questa tecnica, se ben attuata, toglie il pelo dalla radice e col tempo riesce ad indebolirlo a tal punto da far sì che non possa quasi più ricrescere.
Certamente il risultato finale dipende dall'esperienza della professionista, ma anche dalla robustezza del pelo, da come è stato trattato in precedenza e se le tecniche adottate siano state errate arrivando addirittura ad irrobustire il pelo e a farlo ricrescere più velocemente facendogli assumere caratteristiche innaturali.

Sono intervenuta ottenendo degli ottimi risultati anche su persone che si erano sottoposte in precedenza all'uso dell'ago elettrico per cercare di risolvere i propri problemi di ipertricosi ed irsutismo, pratica dolorosa e con alto rischio di provocare cicatrici.

La tecnica del "filo orientale" in questi casi si è rivelata lo strumento più idoneo per recuperare anche le situazioni più difficili e problematiche, inserendosi a pieno titolo nel moderno concetto di estetica, sebbene attualmente poco conosciuta e utilizzata in Italia.

Sto sperimentando da tempo e con successo l'abbinamento e l'integrazione della tecnica del filo orientale che si usa principalmente per piccole parti del corpo e finiture, con l'uso della pasta HALAWA prodotto del tutto naturale "e di antiche origini" composto da zucchero acqua e limone.
Questo abbinamento, filo, pasta HALAWA e pietre, che ho chiamato "Metodo Ornella Galloni" e che uso per l'epilazione "total body" con l'applicazione finale di olii ed altri prodotti naturali idratanti e rinfrescanti, oltre a suscitare meraviglia e piacere su chi viene praticato, ottiene un risultato eccellente e duraturo nel tempo, donando lucentezza e morbidezza al corpo.

Considerata la validità di tale metodo ho iniziato da tempo l'insegnamento e la divulgazione tramite corsi di specializzazione in Italia ed all'estero. Per informazioni contattare la sig.ra Ornella Galloni.




Per chi fosse interessato a saperne di più, Ornella sarà presenta a bordo della NailCruise (organizzata da Nailevo) e terrà un seminario proprio su questo metodo di epilazione.
La crociera formazione Nailcruise e' aperta anche alle non professioniste prive di partita iva e tutti i seminari sono gratuiti compresi nel prezzo.

Trovate tutte le informazini qui:NailCruise nuovo appuntamento con la formazione in crociera

Che ne pensate? Siete a favore dei metodi di epilazione naturali o preferite i classici?


Posta un commento Blogger

  1. assolutamente favorevole anche ai metodi naturali!Questo del filo orientale mi incuriosisce moltissimo :)

    RispondiElimina

 
Top