8
Con la nuova collezione autunno/inverno Nude Look & Flash Fatali, di cui vi ho già proposto gli swatch dei prodotti occhi, Astra Makeup ha introdotto un kit per french manicure.

Il kit e' composto di 3 smalti e guide per french:
  • Il rosa
  • Il bianco per la linea del sorriso
  • Il top coat lucidante
  • Lunette adesive da usare come guida per realizzare la nostra french.
Come e' noto ormai a tutte le ragazze che ci seguono gli smalti della Astra sono molto resistenti e lucidi e questo set non e' da meno.

In più il tono di rosa e' bellissimo e alla fine si ha l'effetto di una manicure con colori ben armonizzati tra loro.



Ecco il nail swatch del

French Manicure design kit
Costo 5 euro

come vedete il risultato finale e' molto delicato ed ha quel punto di rosa che io adoro...

La foto e' fatta con luce artificiale alogena.

Oltre alle 2 passate di smalto bianco sulla linea del sorriso ho fatto anche 2 passate di smalto rosato su tutta l'unghia.
Quindi lucidato il tutto con il topcoat.




Posta un commento Blogger

  1. ciao! volevo chiederti una cosa riguardo ad un ingrediente degli smalti e lo faccio qui sotto, perchè riguarda anche gli smalti Astra (io ne ho uno e l'ho letto lì).

    Leggevo, qualche giorno fa, uno dei tuoi post in cui parlavi di ingredienti nocivi nei cosmetici (e tralaltro c'era il link in cui sono listati tutti i prodotti ritirati dal mercato x quei motivi dal 2005 ad oggi) e tra di essi c'era uno in particolare usato spesso negli smalti, ovvero il "Dibutyl phthalate", considerato dannoso e la cui descrizione è "may cause harm to the unborn child and lead to a possible risk of impaired fertility."

    Ora, su wikipedia c'è scritto:
    "The use of this substance in cosmetics, including nail polishes is banned in the European Union under Directive 76/768/EEC 1976."
    Ma se è così, perchè leggendo l'inci della metà dei miei smalti (tra i quali Astra e Kost, un'altra marca italiana) trovo tale sostanza?
    Ora mi è venuta paura di usarli ahhah!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Martina, negli smalti Astra che ho io non c'e' DBP...ma ti dirò di più non c'e' nemmeno la formaldeide.
    Il DBP lo conosciamo bene su questo sito ;-) proprio grazie all'articolo che hai letto.

    Da quanto e' che hai questi smalti?
    Per esempio io avevo degli smalti di qualche anno(parecchi anni) fa che dentro avevano ancora DBP di varie marche che ovviamente ho buttato.
    Non ho però l'informazione di quando e' stato bandito questo ingrediente dalla UE .

    Altro appunto: potresti trovare altre marche che dentro hanno dbp...ma non tutte di provenienza certa...
    Secondo punto: questi smalti sono "originali" o magari (ipotizzo ovviamente) potrebbero essere delle "copie"?
    Kost non la conosco come marca dove e' venduta?

    RispondiElimina
  3. Kost è una marca partenopea ^^ prodotta a Napoli, quindi forse non è distribuita ovunque...è una marca di makeup in generale, non solo smalti.
    Per quanto riguarda lo smalto Astra non credo sia una copia...c'è anche il sito scritto su. L'ho acquistato in Calabria crica 2 anni fa.
    In ogni caso al momento ho davvero pochi smalti... per "la metà di quelli che possiedo" intendevo 3 della kost (che ho comprato circa 6 mesi fa) e quello Astra. Altre marche che ho oltre queste sono Rimmel, Sephora, Kiko ed Essence. Ho controllato gli ingredienti di quelli sephora e kiko ma ovviamente non c'è traccia di Dibutyl phthalate.
    Precisamente negli smalti "Kost" c'è scritto: "butyl benzil pthalate" (che è classificato come "toxic")e "pthalic anhydride", che magari potrebbero non essere nomi diversi per indicare quella sostanza e data le mie non scarse ma assolutamente nulle conoscenze della chimica l'ho soltanto ipotizzato.
    Nello smalto Astra che ho figurano: "pthailc acid" e "Pthalic anhydride". Quest'ultimo si trova anche in uno smalto bianco per nail art della marca "La Jolie".

    Inoltre non so se qualcuna ha riscontrato la stessa cosa, ma non trovo INCI nei due smalti Essence che ho comprato 2 settimane fa (top coat e uno della nuova collezione) come mai?

    Se quegli ingredienti sono un altro nome per indicare il DBP, cosa dovrei fare? non li uso quasi mai quegli smalti ma io li butterei cmq immediatamente.
    Grazie per la risposta cmq ^^

    RispondiElimina
  4. No Martina il DBP e' indicato esattamente così gli altri phtalati sono altre sostanze quindi stai tranquilla.
    Tutti gli ingredienti dei cosmetici Essence ma proprio tutti sono sul loro sito ufficiale in un file pdf.
    Diciamo chiaramente che molti degli ingredienti degli smalti sono diciamo "tossici"...ma come sempre e' importante vedere i dosaggi che sono consentiti.
    Stiamo sempre parlando di "vernici" non ce l' scordiamo...
    Diverso e' per il dbp che e' proprio bandito dalla UE in qualsiasi forma...
    Quindi da quello che ci hai scritto lo smalto della Astra non ha il DBP dentro ma altri pfalati...

    RispondiElimina
  5. Cavolo...rettifico, "pthailc acid" si trova anche negli smalti Sephora che ho...avevo controllato male =/ (sono smalti avuti recentemente...uno regalato in occasione della conferma della carta fedeltà ed uno l'anno scorso..) e lo smalto Rimmel "nail rescue" contiene formaleide... praticamente il 90% dei mei smalti è da buttare. lol

    RispondiElimina
  6. ah sorry, allora^^ ho appena letto il tuo commento... grazie per la spiegazione! quindi anche "buthyl benzil pthalate" è una sostanza completamente diversa rispetto a "Butyl phthalate"? capisco...

    RispondiElimina
  7. Attenzione! Facciamo chiarezza l'unico ingrediente vietato e' il DBP di quelli che hai detto ok?
    Quindi non devi buttare nulla!

    RispondiElimina
  8. sisi =) però mi sa proprio che butto il "Nail Rescue" di Rimmel, non mi va di mettere formaleide sulle unghie/inalare fomaleide mentre applico lo smalto.
    Quindi anche quelli della Kost sono "a posto". Beh, buono a sapersi.
    Sono d'accordo sul fatto che siano semplici vernici, però se posso evitare sostanze pericolose mi sento meglio hehe.
    Grazie mille per l'aiuto e perdona l'ignoranza in materia (beh...scuola superiore: linguistico aziendale, e adesso studio lingue all'Orientale, quindi la chimica non so nemmeno cosa sia ahaha).

    RispondiElimina

 
Top